About

« Il bello e il brutto, il letterale e il metaforico, il sano e il folle, il comico e il serio… perfino l’amore e l’odio, sono tutti temi che oggi la scienza evita. Ma tra pochi anni, quando la spaccatura fra i problemi della mente e i problemi della natura cesserà di essere un fattore determinante di ciò su cui è impossibile riflettere, essi diventeranno accessibili al pensiero formale. »

(Gregory Bateson, Angels Fear, 1987)

Sta accadendo, e noi vi prendiamo parte: happening, φυειν. Al dilà del pensiero formale oggi, attraverso il vissuto dell’economia, delle scienze della salute, e attraverso l’uso che facciamo del tempo libero, stiamo cominciando ad accettare, e a vivere, un modello nuovo di tutto, del Tutto. Un modello nel quale tutti siamo parte di un unico Sistema insieme alla Natura. Siamo in relazione con gli altri al dilà di appartenenze e differenze. E tutti siamo in relazione inscindibile con la Natura. E’ la fine del mondo dei confini, quelli fra Paesi e Culture, quelli fra Scienza e Spirito, quelli tra Uomo e Natura:  termini un tempo opposti che percepiamo, sempre più, come una sola cosa.

 

Esprimiamo la relazione fra Uomo e  Natura con la parola Ambiente, Environment: che non è solo quello che è intorno, ma è, prima ancora, il nostro modo di vederlo, di capirlo, di comprenderlo. L’idea di Ambiente,  sono gli occhiali con i quali leggiamo la Natura in noi ed intorno a noi, la Natura di cui facciamo parte. E con questa idea consideriamo oggi, sempre più spesso, gli aspetti della vita ai quali attribuiamo maggiore importanza: il nostro modo di curare la persona, lo svago, gli affetti, la salute, l’alimentazione, la scelta ed il consumo dei beni dei quali ci circondiamo e facciamo uso. Dalla visione filosofica a quella sociale e politica, dalla cura del benessere spirituale alla cura di quello materiale, dall’ispirazione poetica allo sport e agli acquisti, il passo viene compiuto ogni giorno da un numero crescente di persone, che rifiutano le culture della divisione, della dicotomia, dei dualismi, dell’odio, della guerra, dello sfruttamento incondizionato delle risorse naturali.  Persone insoddisfatte di modelli culturali fallimentari, causa di sofferenze morali e materiali in nome di una visione dell’Uomo superata e ormai inaccettabile. E’ una rivoluzione culturale e sociale che vogliamo, dobbiamo raccontare nel suo avvenire: come reporter, cronisti, documentaristi. Come persone attente a ciò che accade.

Perché sta accadendo.

Francesco Paolo Mancini

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...